La ProLoco di Cuorgnè

Scritto da il 4 novembre 2006

ATTENZIONE: questo post e' piu' vecchio di 12 mesi. I commenti sono stati percio' chiusi. Per qualunque segnalazione usate la maschera contattami.

Mi sono accorto che in tante parole spese su questo blog, poco spazio è stato dato al paese in cui vivo: Cuorgnè. (NB viene prima la “u” e poi la “o”, e non viceversa!). Allora ho cercato di rimediare creando una categoria di link apposta. E poi, oggi, le dedico questo post.

Che nasce da una notizia ripresa dal sito dei TroTa:

Guidetti sfiduciato!!! ..::

31 ottobre 2006
Dopo mesi di pietosa agonia, finalmente la direzione della Pro Loco non è più in mano a Giancarlo Guidetti.
Nella riunione che si è tenuta questa sera e che avrebbe dovuto fare luce una volta per tutte sulle oscure questioni della gestione Guidetti, ben 39 soci su 60 hanno bocciato il bilancio (peraltro mai presentato in precedenza) e hanno pesantemente criticato l’operato della Pro Loco.
Finalmente si volta pagina! (continua…)
Qual’è il senso di tutto ciò? Se voi cercate su Wikipedia, alla voce Cuorgnè vi parlerà (negativamente) di questo Torneo di Maggio, il cui spirito vive molto bene nelle parole di Aldo. E’ stato una geniale creazione, che giustamente assorbiva grandi quantità di energia. Ma ad un certo punto il meccanismo si è rotto, tutta la vita cittadina gravitava intorno al Torneo non lasciando spazio ad altre manifestazioni. Ma il Torneo non portava più gioia. E Cuorgnè era la città della festa degli ubriachi!
La gente ha cominciato ad allontanarsene, e forse è stato un bene perchè sono nate o rinate anche altre manifestazioni, che danno un movimento al mio paese. Però il Torneo era nato bene…

Allora le mie speranze sono che si ricerchi lo spirito di manifestazione storica del Torneo, con i costi e i sacrifici che le cose fatte bene richiedono. Con il contorno di bettole e spettacoli MA con la centralità dei reali, della gara equestre e soprattutto dei figuranti. Perchè era un bell’aspetto di Cuorgnè, esempio di slancio turistico che oramai è solo un ricordo.
PS: e il comune in tutto ciò? Io non ho mai capito bene… forse l’ha sempre sostenuto sperando che servisse a riempire la Manifattura…

2 Commenti per “La ProLoco di Cuorgnè”

  1. pao scrive:
    6 novembre 2006 at 02:40

    completamente d’accordo massimo.
    rimettere in piedi la proloco significa non soltanto rimettere in piedi il torneo di maggio ma cercare di riportare un po’ di vita a cuorgnè. nelle strade, nelle piazze ma anche nei cervelli annebbiati di molta gente.
    i trota in tutto questo non sono che poca cosa, ma non è escluso che qualcuno di noi possa entrare più da vicino nella questione.
    ti assicuro che anche a livello comunicativo, la passata gestione ha fatto tutto il possibile per isolare cuorgnè dal resto dell’attività culturale-folcloristica (non per forza in senso negativo) piemontese e non.
    grazie della segnalazione, torna a trovarci!
    pao

  2. massimo.sozzi scrive:
    6 novembre 2006 at 15:17

    Tornerò e continuerò a seguirvi con attenzione!