Autovelox a Torino

Scritto da il 8 febbraio 2007

ATTENZIONE: questo post e' piu' vecchio di 12 mesi. I commenti sono stati percio' chiusi. Per qualunque segnalazione usate la maschera contattami.

Premesso: sono assolutamente contrario agli autovelox, velomatic, sparalaser…e tutti quegli strumenti sempre più usati per fottere soldi e punti agli automobilisti e, sempre meno, per garantire un minimo di sicurezza sulle strade. (e con ciò spero di non scatenare faide familiari!). Il più delle volte si fa più attenzione a non superare il limite o a individuare la pattuglia, e il tutto non aiuta a concentrarsi sulla strada. Anche perchè le rilevazioni avvengono sempre su larghe, lunghe e dritte strade vuote con…limiti di 50 km orari! “Giustamente” volute dalle geniali menti dell’amministrazione comunale per alzare le proprie entrate. E’ ben difficile che siano utili per limitare la velocità ed evitare pericoli e morti.

Alla prossima tornata elettorale, in particolare quella amministrativa (cioè per l’elezione del sindaco), mi sono ripromesso e vi invito ad andare a qualche comizio dei candidati e porre questa domanda: ” metterete fuori uso autovelox & c.?”. Poi traetene le conseguenze per decidere chi votare…

Però, perchè c’è sempre un però, vi è un caso in cui ne riconosco l’utilità e (sperando di non rimanere fregato!) li approvo. Sono quelli ben segnalati e visibili, a volte collegati a un semaforo che diventa rosso se superate un certo limite (e che vi fotografa se lo “bruciate”). Non sono nascosti o all’improvviso, anzi sono segnalati con largo anticipo per permettervi e costringervi a rallentare. Questi sono veri deterrenti per l’eccessiva velocità.

E’ il caso di Torino e corso Regina, di cui hanno parlato in questi giorni al Tg regionale. Emanuela (grazie!) mi ha inviato il link di un articolo molto interessante della Stampa. Qui trovate l’originale, io ne prendo solo qualche pezzo:

“(…) Chiariamo subito: la velocità che si legge sui pannelli rappresenta soltanto un primo avvertimento; il punto in cui avviene la misurazione «reale» della velocità per la contestazione – e che fa scattare il fermoimmagine – si trova invece 350 metri più in là, esattamente sotto la porta metallica su cui sono montate le sei fotocamere (una per ogni corsia di marcia).

«Sotto le fotocamere, in corrispondenza dell’arco – spiega Giovanni Foti, direttore del gruppo 5T – sono annegate nell’asfalto le “spire induttive??. Sono anelli in filo di rame che creano un campo magnetico registrando la velocità delle masse metalliche. Punto di rilevazione e punto di scatto, quindi, coincidono. Nessun margine di errore. Contrariamente a quanto molti pensano: che la misurazione parta dai pannelli luminosi». Non fatevi dunque ingannare. Quando compare la velocità sul pannello luminoso non avete ancora superato l’autovelox, ma avete ancora 350 metri per rallentare ed evitare la multa. (…)”

7 Commenti per “Autovelox a Torino”

  1. nicola carrano scrive:
    17 aprile 2007 at 12:31

    Mi chiedo:se il codice della strada prevede che questi apparecchi siano gestiti da organi di polizia,per quali motivi vengono affidati a personale della GTT?Ci sono estremi per ricorrere contro le multe?

  2. massimo.sozzi scrive:
    17 aprile 2007 at 13:16

    Mi spiace ma non ho le conoscenze per rispondere alle domande, peraltro anche interessanti. Mi è capitato da poco di leggere un articolo riguardo all’autista di un’ambulanza “fotografato” dall’autovelox che, fatti due conti, ha deciso che era meglio pagare la multa.

  3. antonio scrive:
    19 maggio 2007 at 13:34

    caro amico, se faresti + attenzione ai cavilli legali sapresti che l’80% delle multe possono essere non pagate, tipo quelle x divieto di sosta per cartelli illegali, autovelox non segnalati e quindi illegali, sparalaser con pattuglie che si nascondono, multe che non vengono notificate nei 151 giorni dalla multa o verbale, autovelox regolarmente segnalati e bugerati per cause di emergenze personali o famigliari ecc. ect…ect…
    la verità e un’altra…. cioè che normalmente quando uno prende una multa… pensando che deve fare un ricorso… pensando al pagamento di un avvocato e via discorrendo alla fine decide di pagare.
    distinti saluti.

  4. judi scrive:
    22 maggio 2007 at 03:39

    ci sono stata in quella nave e quando parti senti il vuoto la sensazione di aver dimenticato qualcosa in ognuno dei suoi posti,è semplicemente fantasticaa!!!

  5. massimo.sozzi scrive:
    22 maggio 2007 at 15:28

    Forse il commento era per la Costa, vero Judi?

  6. tonino scrive:
    1 agosto 2007 at 01:37

    sono pienamente daccordo con te, specialmente sul fatto quando dici che oramai si fa più attanzione al velox , che a guidare e guardare la strada, almeno a me capita sempre….. ma purtroppo in qualche modo i soldi li devono fare. daltronde le olimpiadi son finite,……………..tra un pò metteranno pure i velox per chi cammina a piedi troppo forte. si intende sempre per la nostra sicurezza!!!!!!!!!….sono disgustato!

  7. giuseppe scrive:
    2 settembre 2007 at 13:19

    fate attenzione nelle ore serali o notturne all’auchan di venaria ci sono delle postazioni fisse che ti scattano le foto saluti