meno secchioni in Italia?

scritto da il 12 luglio 2007

Sono usciti i primi, parziali, dati sull’esame di maturità di quest’anno. Se è poco più del 6%, contro il quasi 10% dello scorso anno, a meritarsi il massimo dei voti, c’è anche un 2,5% di bocciati che va sommato al 4% dei non ammessi. L’anno passato era stato il 3,5% a non superare l’esame (dati di LaRepublica.it).

Studenti meno bravi quest’anno? O forse la reintroduzione della commissione mista (cancellata nel 2002 dal governo Berlusconi, sempre attento a fare cassa) e la reintroduzione dell’ammissione (abolita dalla riforma Berlinguer nel 1999) hanno permesso di valutare in modo più oggettivo i maturandi?

Non è stata priva di polemiche questa Maturità e ancora mancano i dati definitivi. Ma che sia il segnale di un ritorno ai tempi in cui la scuola insegnava e formava e, soprattutto, poteva decidere quando l’opera formativa non aveva funzionato?

Chissà se un giorno torneremo a vedere bocciare anche alle elementari? Perchè un piccolo giusto fallimento può anche essere costruttivo…

Commenti disabilitati su meno secchioni in Italia?

Ma siamo davvero sicuri che il padrone della televisione oggi sia Murdoch? Perchè ogni volta che io guardo un film sulla Rai, su Mediaset o da un dvd, quando scorrono i titoli di coda e il film, o telefilm che sia, mi è piaciuto, sono certo che apparirà un nome: Jerry Bruckheimer.
Pirati dei Caraibi, CSY, Il mistero dei templari, Cold Case, Bad Boys, The Rock…e così via fino all’ormai antico Top Gun o American Gigolo. Tutti prodotti da Jerry, che non sia lui il vero Grande Fratello?

(pubblicato ieri su LoSpillo)

Commenti disabilitati su Jerry Bruckheimer, chi era costui?