il decalogo del Momi

scritto da il 9 ottobre 2008

Qualche giorno fa mi è arrivata, con la newsletter di Identità Golose, la segnalazione del decalogo del Ristorante Momi. Penso che varrebbe la pena riprenderlo, non solo in altri ristoranti ma anche in tanti altri luoghi più o meno pubblici.

«Ci piacerebbe che consideraste il ristorante-caffetteria come la vostra casa e come in ogni casa, anche da Momi esistono delle regole:
– Precedenza ai disabili, alle signore anziane, alle signore in dolce attesa e a tutte le donne
– Vietato fumare e bere superalcolici ai minorenni
– Non buttare carte e sigarette per terra o nei vasi
– Non sporcare volontariamente i tavoli
– Non bestemmiare
– Non dire parolacce
– Non urlare
– Sedersi in maniera composta
– Non masticare la cicca come mucche
– Togliere il berretto all’interno del locale
– Non picchiarsi
– Rispettate il nostro lavoro
… si accettano suggerimenti!».

Per dirla con Paolo Marchi: «Grande Momi: bravo!».

Commenti disabilitati su il decalogo del Momi