Pino Masciari è in pericolo di vita!

E’ stato lasciato senza scorta e nessun telegiornale se occupa.

Tutti a raccontare il ricordo contrito e triste dei politici, impegnati nelle commemorazioni di Giovanni Falcone e Placido Rizzotto.

I quali, nelle tombe in cui sono finiti perchè lasciati soli come Pino Masciari, si stanno rivoltando e INCAZZANDO!

Il rogo di Gomorra

scritto da il 17 aprile 2010

di Massimo Gramellini

Sono d’accordo con l’Amato Premier. La mafia italiana è appena la sesta nel mondo (il prossimo anno non parteciperà neanche alla Champions), la sua fama è tutta colpa di «Gomorra». Che in realtà parla di camorra ed è pubblicato dalla casa editrice dell’Amato. Ma sono quisquilie. Piuttosto: perché fermarsi a Saviano, dico io. Si chiami il ministro fuochista Calderoli e gli si commissioni un bel falò per buttarci dentro altri libri disfattisti. Comincerei dai «Promessi sposi»: tutti quei bravacci e signorotti arroganti, che agli stranieri suggeriscono l’immagine fasulla di un Paese senza regole, dove la prepotenza e la furbizia prevalgono sul diritto. E «Il fu Mattia Pascal»? Vogliamo continuare a diffondere la favola negativa dell’uomo che cerca un legittimo impedimento per potersi fare i fatti suoi? Nel fuoco, insieme con «La coscienza di Zeno», un inetto che non riesce nemmeno a liberarsi del vizio del fumo, quanto di più diseducativo per una gioventù che ha bisogno di modelli positivi come il vincitore di «Amici».

Porrei quindi rimedio alla leggerezza sconsiderata del «Gattopardo». «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi». Hai trovato la formula segreta del potere e la spiattelli in giro così? In America nessun romanzo ha mai raccontato la ricetta della Coca-Cola. Nel fuoco anche Tomasi di Lampedusa: con quel cognome da nobile sarà di sicuro comunista. E poi «Il nome della rosa». Morti e sesso torbido in un monastero. Di questi tempi! Il nome della Rosa è Pantera. Il resto al rogo. Su con quelle fiamme e linea alla pubblicità.

Commenti disabilitati su Il rogo di Gomorra

su Boffo era tutto finto

scritto da il 4 dicembre 2009

Leggete cosa risponde Vittorio Feltri a una signora che gli chiede chiarimenti sul caso Boffo.

Per chi si fosse dimenticato: Boffo era il direttore di Avvenire e si dimise in seguito a uno “scoop” del giornale diretto da Feltri ed edito da Berlusconi.

Leggete la risposta, la riporto per intero, e fate bene attenzione a un passaggio: «persino l’Avvenire(…) cedette alla tentazione di lanciare un paio di petardi». La notizia su Boffo oggi passerà in secondo, se non terzo-quarto-ultimo piano, ma il sistema resta intatto: chi sbaglia muore. Nel migliore stile mafioso di cui oggi ha parlato un certo Spatuzza…

«Gentile signora,
quando abbiamo pubblicato la notizia, per altro non nuova (era già stata divulgata da Panorama sia pure con scarsa evidenza) eravamo consapevoli che non sarebbe passata inosservata. Ma non per il contenuto in sé, penalmente modesto, quanto per il risvolto politico. Infatti era un periodo di fuochi d’artificio sui presunti eccessi amorosi di Berlusconi. La Repubblica in particolare si era segnalata con servizi quotidiani su escort e pettegolezzi da camera da letto. Il cosiddetto dibattito politico aveva lasciato il posto al gossip usato come arma contro il premier anche in tivù, oltre che sulla stampa nazionale e internazionale.
Persino l’Avvenire, di solito pacato e riflessivo, cedette alla tentazione di lanciare un paio di petardi. Niente di eccezionale, per carità; data però la provenienza, quei petardi produssero un effetto sonoro rilevante. Nonostante ciò, personalmente non mi sarei occupato di Dino Boffo, giornalista prestigioso e apprezzato, se non mi fosse stata consegnata da un informatore attendibile, direi insospettabile, la fotocopia del casellario giudiziale che recava la condanna del direttore a una contravvenzione per molestie telefoniche. Insieme, un secondo documento (una nota) che riassumeva le motivazioni della condanna. La ricostruzione dei fatti descritti nella nota, oggi posso dire, non corrisponde al contenuto degli atti processuali.
All’epoca giudicammo interessante il caso per cercare di dimostrare che tutti noi faremmo meglio a non speculare sul privato degli altri, perché anche il nostro, se scandagliato, non risulta mai perfetto.
Poteva finire qui. Invece l’indomani è scoppiato un pandemonio perché i giornali e le televisioni si scatenarono sollevando un polverone ingiustificato. La «cosa», come lei dice, da piccola è così diventata grande. Ma, forse, sarebbe rimasta piccina se Boffo, nel mezzo delle polemiche (facile a dirsi, adesso), invece di segretare il fascicolo, lo avesse reso pubblico, consentendo di verificare attraverso le carte che si trattava di una bagattella e non di uno scandalo. Infatti, da quelle carte, Dino Boffo non risulta implicato in vicende omosessuali, tantomeno si parla di omosessuale attenzionato.
Questa è la verità. Oggi Boffo sarebbe ancora al vertice di Avvenire. Inoltre Boffo ha saputo aspettare, nonostante tutto quello che è stato detto e scritto, tenendo un atteggiamento sobrio e dignitoso che non può che suscitare ammirazione.
VF».

L’originale lo trovate qui: http://www.ilgiornale.it/interni/boffo_ho_avuto_modo_vedere/04-12-2009/articolo-id=403971-page=0-comments=1

Commenti disabilitati su su Boffo era tutto finto

Giovanni Impastato a Ivrea

scritto da il 24 novembre 2009

Stasera a Ivrea ci sarà Giovanni Impastato, con il co-autore Giovanni Vassia, a parlare del libro scritto su Peppino Impastato, il fratello ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978.

«Vassia, “poco incline – come lui stesso afferma – all’agiografia??, raccoglie la testimonianza di Giovanni e ci restituisce quindi un quadro molto più intimo, in cui Peppino Impastato non emerge soltanto come l’eroe che è stato, come colui che denunciava la mafia e i mafiosi e sbatteva sulle facce, nelle case, sulle tavole dei suoi compaesani la loro stessa paura di parlare e ribellarsi, ma viene fuori anche come “elemento di rottura?? nel contesto di una famiglia di chiara estrazione mafiosa verso la quale perfino Giovanni stesso aveva un atteggiamento di tacita sopportazione.
Emblematico in questo senso è uno dei tanti aneddoti inediti che Giovanni tiene a ricordare: ai funerali del padre, Peppino si rifiutò, a differenza del fratello e della madre, di stringere la mano ai parenti collusi con la mafia, attirandosi ulteriori antipatie. Questo ha aperto in Giovanni una ferita che forse potrà rimarginarsi solo informando le persone e raccontando storie come quella di suo fratello e proprio per questo lui e Franco Vassia da settimane girano in tutt’Italia per presentare il libro» (da radio aut).

ABCinema alle 20:30 con la proiezione del film “I cento passi”.

Commenti disabilitati su Giovanni Impastato a Ivrea

rubli a Milano2

scritto da il 5 febbraio 2009

Supponiamo che sia vero ciò che sostiene Berlusconi, cioè che “la sinistra viveva grazie ai rubli sporchi di sangue dell’Unione Sovietica” (Repubblica.it). Ammesso che ciò sia vero, perchè non parliamo anche dei soldi con cui è stata costruita Milano2?

ps: sempre in riferimento alle uscite riportate da Repubblica, perchè fin’ora non si era mai parlato di questione morale in PdL? Non basta che qualcuno dell’altra parte segua il vostro esempio per sentirvi subito santi e immacolati!

Commenti disabilitati su rubli a Milano2

e dopo la revoca?

scritto da il 14 luglio 2008

ANSA: «PALERMO, 13 LUG – I boss Salvatore e Sandro lo Piccolo hanno chiesto al giudice di sorveglianza di Milano la revoca del regime del 41 bis applicato loro. (…) I capimafia chiedono di essere ammessi a vita comune nel carcere come detenuti normali o, in subordine, di accedere a un regime meno severo».

E magari tutte le mattine brioche e cappuccino!

Chiudere e gettare la chiave, ecco l’unica concessione fattibile!

Commenti disabilitati su e dopo la revoca?