il mio politometro

scritto da il 31 marzo 2008

Come votare? Ecco un altro “giochino” per scoprire il proprio orientamento politico: così si presenta il politometro di Repubblica.it.

Sinceramente preferirei che il voto non fosse affidato a un giochino, ma poi quando, come oggi, mi fermo a leggere i nomi dei candidati per il Piemonte, allora capisco che è proprio solo un gioco…peccato che noi non ci stiamo più divertendo!

In questo caso io mi posiziono qui (bello vero il mio avatar?!):

 

 

Un merito del politometro mi sembra che sia la possibilità della risposta neutra. Però le domande non mi sembrano poste in modo così chiaro. Giocate gente, giocate fino a quando potete… 😉

Commenti disabilitati su il mio politometro

Questa è per pochi “eletti”: vivere l’ultimo giorno il primo della settimana. Un lunedì al sapore di venerdì… 😉

Commenti disabilitati su il lunedì che è un venerdì…

Penso che oggi (oramai quasi ieri), purtroppo per il ragazzo, la notizia non se la sia persa nessuno. La riprendo dall’ANSA.it:

«Fan Parma ucciso da bus tifosi Juve – Veicolo era in manovra, prima incidente schermaglie tra tifoserie

(ANSA) – ROMA, 30 MAR – Un tifoso del Parma, 28 anni, e’ stato travolto e ucciso nell’area di servizio ‘Crocetta’ vicino Torino da un pullman di tifosi della Juve».

E via con tutti i servizi del caso…

Mentre scorrevano le immagini, dal cuore mi salivano le parole: grazie cari giornalisti per l’incredibile capacità che avete di aiutare il Paese a vivere nella tranquillità! Grazie, perchè ci state fornendo la possibilità di rivivere la violenza del giorno in cui morì Sandri. Grazie, davvero grazie!…

ps: non sto dicendo che non bisogna raccontare ciò che accade. Ma la notizia, come la legge, viene sempre interpretata e raccontata. E viceversa.

Commenti disabilitati su “cari” giornalisti: grazie perchè date serenità

io sono qui

scritto da il 28 marzo 2008

Due anni fa non mi aveva convinto molto il suo risultato e, sinceramente, avrei preferito non tornare così presto a farlo! Ma se da domani è proibito pubblicare sondaggi elettorali nessuno vi può vietare di auto-analizzarvi! Di cosa sto parlando?

Del sondaggio: “voi siete qui – elezioni 2008“. Secondo Mantellini (che me ne ha ricordato l’esistenza) è ancora una versione non definitiva, dubito però che in due settimane verrà variato di molto.

Elezioni 2008. Io sono qui. E tu dove sei?

Dicevo che due anni fa non mi aveva convinto, questa volta invece l’ho trovato molto attinente alla mia posizione. Se si può fare una critica, manca una risposta neutra a domande sulle quali non si ha una posizione netta o i cui argomenti non si conosco a sufficienza. Eccomi in grafico:

Buon sondaggio! E che vinca il migliore…emh…il meno peggio! 😉

Commenti disabilitati su io sono qui

Qualcuno si ricorderà che qualche giorno addietro YouTube, su segnalazione di Telecom Italia Media, aveva oscurato un mio video. Era un servizio del Tg di La7, che avevo caricato per scrivere un post in occasione dell’anniversario del rapimento Moro.

La cosa mi aveva dato alquanto fastidio ma non sapevo come contestare la decisione. Poi ho letto sulla rivista “Internet magazine” il parere di un avvocato esperto in Diritto delle nuove tecnologie riguardo a un caso simile al mio. Secondo l’avvocato la scelta di YouTube non era corretta. Allora ho deciso, riprendendo i temi dell’articolo, di preparare una contro notifica da inoltrare a YouTube.

L’ho scritta e poi sono andato a leggere le istruzioni. E qui mi sono fermato: “Tieni presente che la presentazione di una contro notifica potrebbe comportare l’avvio di un procedimento legale tra te e l’autore del reclamo per determinare la proprietà del materiale”! Già, i toni sono proprio quelli di Big Fratello G!

Ma io non ho assolutamente intenzione di farmi uccidere in un’aula di tribunale da Telecom Italia Media, solo perchè ho pubblicato un video con l’intenzione di fare loro i complimenti!

Però la lettera era ormai pronta e buttare via così il lavoro non mi andava…

Allora ho deciso di contattare direttamente Telecom Italia Media, inoltrando ai signori Annalisa Pozzi e Carlo De Martino (nomi indicati sui contatti) la seguente email:

Spett.le Telecom Italia Media,
in data 18/03/2008 avete richiesto a YouTube di rendere inaccessibile il video “Ricordo del sequestro Moro – Tg La7?? (http://it.youtube.com/watch?v=phR1PIXp-qk) da me messo online qualche giorno prima.
Ritengo però che questo video non abbia leso i Vostri diritti. Ritengo di non aver indotto i telespettatori a non più seguire i telegiornali dell’emittente La7. Dichiaro di non aver coperto o nascosto la fonte dell’informazione.
La procedura, prevista da YouTube in questi casi, prevede l’inoltro da parte mia di una contronotifica che potrebbe portare ad un procedimento legale. Non ho nè i mezzi, nè l’intenzione, né alcun interesse ad arrivare a ciò, ma gentilmente e rifacendomi anche:

  • all’articolo 21 della Costituzione: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione»;
  • all’art. 65 paragrafo 2 della Legge del 22 aprile 1941 sul Diritto d’autore, a norma del quale «La riproduzione o comunicazione al pubblico di opere o materiali protetti utilizzati in occasione di avvenimenti di attualità è consentita ai fini dell’esercizio del diritto di cronaca e nei limiti dello scopo informativo, sempre che si indichi, salvo caso di impossibilità, la fonte, incluso il nome dell’autore, se riportato»;
  • alla Sentenza n° 105 del 15 giugno 1972 della Corte Costituzionale, che ricorda l’esistenza di un «interesse generale, anch’esso indirettamente protetto dall’articolo 21, alla informazione; il quale, in un regime di libera democrazia, implica pluralità di fonti di informazione, libero accesso alle medesime, assenza di ingiustificati ostacoli legali, anche temporanei, alla circolazione delle notizie e delle idee»;

chiedo che il video venga nuovamente reso accessibile.
Mi permetto ancora di aggiungere che ho messo online il servizio del telegiornale come esempio di una buona comunicazione.
In attesa di un Vostro gentile riscontro, porgo cordiali saluti.
Massimo Sozzi

Adesso non mi resta che aspettare e vedere se mi rispondono…

Se volete approfondire: art. 21 della Costituzione, Sentenza n° 105 della Corte Costituzionale, art. 65 della Legge sul Diritto d’Autore (anche qui).

Aggiornamento: dopo neanche 13 minuti, Annalisa Pozzi mi ha risposto scrivendomi che gira la mia email all’ufficio legale. Mi vedo già dietro le sbarre… 😉

alla faccia della Par Condicio!

scritto da il 26 marzo 2008

Ce n’eravamo accorti da un po’, in particolare su Rai2. Adesso ho anche trovato chi usa bene le parole per esprimere il concetto, leggo da Axell:

«(…) la cosa che balza agli occhi è la strategia. Come quale strategia?
Quasi tutti i programmi Mediaset (ma anche di Rai Due, di alcune TV locali, vedi Italia 7 Gold) sono dedicati a casalinghe e pensionati, e fin qui nulla di sconvolgente. Siamo nella norma, quello è il target. Il problema è che si tratta di programmi pieni zeppi di propaganda politica del Centro-Destra (anzi del Destra-Lega) sin dalle 7.30 di mattina e la programmazione si spinge laconica e sorniona anche nel pomeriggio inoltrato. E qui mi prende male.
E’ quasi un mantra: “Troppe tasse colpa di Prodi, Alitalia fallisce colpa dei comunisti, tutto aumenta colpa del governo, i mutui sono altissimi colpa del centro sinistra, la zucchina è alle stelle colpa della CGIL?? e via discorrendo, fino al punto di sentire una baldanzosa Rita dalla Chiesa esordire a Forum con 5 notizie una più brutta e tremenda dell’altra (tra cui i 4000 soldati USA morti in IRAQ che stonava, ma faceva sugo) concludendo che questo Paese ha bisogno di buone notizie, di cambiare, di voltare pagina.
E qualcuno vuole anche abbattere la par condicio, ma è mai stata applicata?».

Commenti disabilitati su alla faccia della Par Condicio!

Purtroppo i giorni di vacanza pasquali sono già finiti! Tra i tanti pensieri e ricordi, ve ne butto lì qualcuno…

  • Intanto la granita migliore continuano a farla loro: Il negozietto del gelato! E con la maglietta “me ne sbatto u’ belin” (scritto giusto?), sono ancora più simpatici! Speriamo che, nonostante qualche problemino, possano fare una grande stagione!
  • Veder passare la Milano-San Remo il sabato di Pasqua è stata una bella ciliegina sulla torta.
  • Peccato che non sia piaciuto all’associazione albergatori: è stato un valore aggiunto, qualcosa in più regalato ai turisti. Invece di lamentarvi che le previsioni del tempo sono state sbagliate, provate a pensare a un turismo diverso. A un’offerta turistica in grado di conquistare e attirare le persone. Che non debbano più basarsi sulle previsioni, perchè tanto in Riviera ci sarà sempre qualcosa da fare.
  • Oramai siamo irrimediabilmente persi: se non possiamo differenziare ci sentiamo male! Ma in Liguria non c’è la raccolta differenziata? Si, c’è carta, vetro, lattine. Ma a San Bartolomeo non c’è ancora organico e indifferenziato!
  • Perchè il recupero della strada litoranea tra Diano Marina e Oneglia è incompleto? Sono finiti i fondi? O è l’unica soluzione per non dover cedere poi alle auto?
  • E infine: ricordarsi di evitare il rientro di martedì pomeriggio dopo Pasqua: la coda è assicurata!

E domani si comincia… 😉

Pasqua di Risurrezione

scritto da il 23 marzo 2008

“La risurrezione è un evento che supera ogni aspettativa, anche la più audace… Se Gesù di Nazareth non fosse risorto, non servirebbe a nulla credere in lui, scommettere la vita sulla sua parola. I suoi miracoli, le sue parole di perdono, la sua lotta per la verità e la giustizia, sarebbero solo fatti del passato” (Vi ho chiamato amici, p. 68).

BUONA PASQUA!

(immagine tratta da www.elledici.org)

Commenti disabilitati su Pasqua di Risurrezione

ponte di Pasqua

scritto da il 22 marzo 2008

In questi ultimi giorni sono capitate un po’ di cosette. Il tempo per stare dietro al mondo digitale è stato poco, ma ho imparato tante cose nuove! E dalla prossima settimana bisogna cominciare a metterle in pratica…se no Elena si arrabbia! (questa forse la capirà solo Daniele…)

Però, visto che solo da giovedì sarò chiamato a rendere conto di tutte le caramelle che ho mangiato (e questa, forse, neanche Daniele la capisce) possiamo regalarci qualche giorno di vacanza…

…sperando che il tempo si ricordi che è iniziata la primavera!!!

Buone vacanze a tutti!

google decide le stagioni

scritto da il 20 marzo 2008

Dopo essere diventato il padre-padrone di Internet, Google si è arroccato il diritto di stabilire l’inizio delle stagioni.

Non vi sarà infatti sfuggito il logo particolare che sfoggiava oggi, 20 marzo.

E sul blog italiano si può leggere che:
«Quest’anno l’equinozio di primavera è cominciato alle 5.48 di questa mattina. Auguri, è arrivata la primavera!».Peccato che, come riporta Wikipedia, la primavera astronomicamente inizia con l’equinozio di primavera, che è il 21 marzo nell’Emisfero nord.

Stavolta Big-fratello-G ha toppato!

Mah… mi sorge un dubbio: vuoi vedere che con la storia dell’anno bisestile ha ancora ragione lui?

Sembra che non sia l’unico ad avere problemi con l’accoppiata YouTube & Telecom Italia Media (ovvero La7) in questi giorni!

Ieri infatti ho ricevuto un’email che recitava così:
«Caro utente,
Con questo messaggio ti informiamo del fatto che abbiamo rimosso o reso inaccessibile il seguente materiale, a seguito di una segnalazione da parte di Telecom Italia Media, che ritiene che questo materiale viola il copyright:
Ricordo del sequestro Moro – Tg La7: http://it.youtube.com/watch?v=phR1PIXp-qk
Tieni presente che la ripetuta violazione del copyright ha come conseguenza la cancellazione del tuo account e di tutti i video caricati tramite l’account stesso ecc…».

Via Vittorio Pasteris ho scoperto la disavventura di Cattiva Maestra:
«Avevo il presentimento che prima o poi sarebbe successo anche a me. E così è stato. Con un messaggio laconico e preconfezionato, YouTube ha sospeso il mio account e i circa cinquanta video che in un anno di utilizzo avevo caricato per la gioia di grandi e piccini.
Ironia della sorte, la sospensione è giunta a causa di un video di cui detengo formalmente parte dei diritti. Telecom Italia Media ha richiesto a YouTube la cancellazione del video “Morire per lavoro”, la registrazione del mio monologo dedicato alle vittime della ThyssenKrupp recentemente interpretato dall’attore Stefano Pesce nella trasmissione “Niente di personale” su La7 (continua…)».

Mal comune, mezzo gaudio?

…o quasi piena dittatura digitale?

Ps: peccato che la Telecom, quando deve ridarti dei soldi non sia così veloce! Vi ricordate la storia del reclamo ad Alice (qui e qui)? Non è mica finita, hanno continuato a prelevare più del dovuto e, nonostante la nostra segnalazione, non si sono più fatti sentire! Ma i video li fanno togliere in fretta!

Chuck VS Voldemort

scritto da il 18 marzo 2008

Oggi è una bella giornata allora, se al contrario di me non avete altri motivi per sorridere, vi lascio con questa:

“Harry Potter ha una cicatrice a forma di fulmine per colpa di Voldemort. Voldemort ha una cicatrice a forma di calcio rotante per colpa di Chuck Norris” (letta qui).

Commenti disabilitati su Chuck VS Voldemort

Ieri erano trent’anni da quando venne rapito Aldo Moro, nei telegiornali i servizi si sono sprecati…nel senso che hanno dato la sensazione di spreco, di non servire a nulla.

Si è distinto il telegiornale di La7. Bravi e grazie per il ricordo, non solo di Moro ma anche della sua scorta. Senza paura di condannare chi ha sbagliato e ancora oggi non si pente.

http://www.youtube.com/v/phR1PIXp-qk&hl=it

Il 16 marzo 1978, in via Mario Fani a Roma, l’auto dell’On. Moro e quella della scorta vengono tamponate da due auto dalle quali scende una parte del commando terrorista,mentre altri sono in agguato sul posto. La banda è presumibilmente composta da 11 uomini e una donna, che massacrano la scorta e rapiscono il presidente. Cadono il maresciallo dei CC Oreste Leonardi, che è alla guida della Fiat 130 di Moro, la guardia di PS Raffaele Iozzino, l’appuntato dei CC Domenico Ricci, la guardia di PS Giulio Rivera e il vice-brigadiere di PS Francesco Zizzi (da www.vittimeterrorismo.it).

AGGIORNAMENTO: la “solerte” Telecom ha fatto togliere il video daYouTube per violazione del copyright. Peccato, mi sembrava di fargli un complimento. Comunque il video potete continuare a vederlo da qui.

Si svolgeranno stamattina, nella cappella dell’Ospedale Mauriziano a Torino, i funerali di Lia Varesio.

Nel 1980 un amico era morto di freddo, rannicchiato su stracci e cartoni nel centro storico. Si chiamava Bartolomeo e fu questo il nome che diede all’associazione da lei creata, la Bartolomeo & C. «È questa l’occasione – raccontava – che ci ha fatto maturare la scelta, fino a quel momento incerta e disorientata, di offrire compagni ed accoglienza a chi ne ha bisogno. Sono molte le tragiche realtà della vita metropolitana con cui veniamo a contatto: gente scappata di casa, dimessi da ospedali psichiatrici, tossicodipendenti, ex carcerati».

Ricorda Pier Luigi Dovis, direttore della Caritas torinese: «Anche a lei non era sfuggito il crescente divario sociale. La scorsa estate, nella città svuotata dalle vacanze, mi aveva telefonato: ’sono sola, viene da me sempre più gente che manifesta con rabbia il proprio disagio. Nella società c’è qualcosa che non funziona, mi aveva detto» (su LaStampa.it e TorinoClick).

L’altro ieri Luigi Roca, 39 anni e padre di due figli, si è impiccato . L’uomo ha lasciato un biglietto alla moglie e ai famigliari: «Sono triste perché mi sono stati tolti il lavoro e la mia dignità, perdonatemi» (laStampa.it).

La sua azienda, la Berco di Busano Canavese, faceva parte del gruppo tedesco Thyssen. E il suo contratto, interinale, non è stato rinnovato perchè la Thyssen se ne sta andando. O forse non è colpa dei tedeschi (www.ansa.it), ma sicuramente Luigi si è impiccato perchè senza lavoro.

Leggo da Mello che ieri sera, secondo Repubblica.it, Silvio Berlusconi, nel corso della rubrica del Tg2 Punto di vista, ha proposto la sua ricetta contro la precarietà: a una ragazza che chiedeva come risolvere i problemi derivanti dall’assenza di un lavoro stabile, ha risposto di sposare un milionario, magari suo figlio Piersilvio perchè con il suo sorriso se lo poteva certamente permettere.

…pezzo di merda!

Ma c’è di peggio: i suoi fidi che ben riportano il pensiero di chi lo vota. Si indignano, poverine, le truppe del Cavaliere (? la cavalleria aveva altri valori), sorprese da quella che definiscono l’aridità di spirito degli esponenti del centrosinistra che hanno protestato per le parole di Berlusconi. Il faccia-di-bronzo portavoce, Paolo Bonaiuti, non si fa attendere: “Il Pd non ha argomenti. Veltroni non trova di meglio che attaccarsi a una battuta scherzosa”. E per Altero Matteoli, la sinistra non riesce più a sorridere, “disperata per la più che probabile sconfitta elettorale”.

No, di fronte alla morte non si riesce a sorridere. Ne da destra ne da sinistra. Solo Berlusconi, le sue truppe e i suoi elettori riescono a ridere davanti a un morto di precariato.

Vergognatevi.