gli effetti della psicoterapia

scritto da il 31 maggio 2006

Dedicato a tutti quelli che “la psicologia non serve a niente”…

Su Acta Neuropsychiatrica è stata pubblicata una review a cura di Veena Kumari dell’Istituto di Psichiatria di Londra, che, esaminando numerose ricerche recenti, dimostra che le psicoterapie, in particolare quella cognitivo-comportamentale, determinano cambiamenti neurobiologici nel cervello equiparabili a quelli prodotti dai farmaci.
fonte: Psicocafè

Musical su San Filippo Neri

scritto da il 29 maggio 2006

Ieri sera (per far contenta Annalisa :-) ) siamo andati a vedere lo spettacolo dei giovani della Diocesi di Ivrea. Intitolato “State buoni se potete” racconta la storia di San Filippo Neri, sulle musiche dell’omonimo album di Branduardi. Replicano venerdì all’ex ABCinema di Ivrea e poi altre volte in paesi del Canavese. A parte qualche tempo un po’ troppo lungo per i cambi scena, vale la pena andarli a vedere.

In quel tempo, Gesù apparve agli Undici e disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro e confermava la parola con i prodigi che l’accompagnavano.

Commenti disabilitati su Vangelo della Domenica – Ascensione del Signore

sveglia psicologi 2

scritto da il 27 maggio 2006

Ricevo da Arianna:

“ciao a tutti!!!
vogliono togliere le scuole di specialità di psicologia, per lasciare il mercato solo ai medici, senza che si proponga in medicina una preparazione adeguata.
quindi per il mio lavoro, vi chiedo vi collegarvi al sito http://www.psicologiaclinica.info/scuolaspecializzazione.htm e firmare…
grazie mille!!!
Arianna”

Sottoscrivo le idee che stanno alla base della raccolta firme. E segnalo anche il sito di Altra Psicologia che da tempo si occupa di questo e altri problemi della professione. Devo però anche segnalare alcune ingenuità: la prima è che la petizione è ancora indirizzata all’ex ministro, la seconda è che una raccolta firme per avere valore legale deve prevedere la verifica dell’identità di chi firma. Continuiamo a diffondere queste idee, per costruire una cultura psicologica anche in Italia, ma se riusciamo cerchiamo di organizzarci per avere anche più peso politico.

Commenti disabilitati su sveglia psicologi 2

Torino e la scherma

scritto da il 26 maggio 2006

Nell’attesa dei Mondiali di ottobre, è iniziato ieri il 100° Campionato Italiano di Scherma.

Per tutte le notizie sul campionato www.campionatiitaliani.com e sui mondiali www.escrime-torino2006.com

A Ivrea so che c’è una palestra di scherma, quasi quasi mi informo…

Torino wi-fi

scritto da il 26 maggio 2006

La GTT ha dotato di connettività WiFi la linea 4. Ne potranno usufuire gratuitamente chi sale sul tram e chi vive nel raggio di 200m, lungo tutti i 18 km della linea.

Io la definirei una figata infame!

fonte: Punto Informatico

Commenti disabilitati su Torino wi-fi

riassunto di oggi

scritto da il 25 maggio 2006

Con oggi sono -4.

Commenti disabilitati su riassunto di oggi

festa di Maria Ausiliatrice

scritto da il 24 maggio 2006

Buona Festa a tutti!

Capaci, 23 maggio 1992

scritto da il 23 maggio 2006

“Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni.
Questa è la base di tutta la moralità umana.”
(J. F. Kennedy; citazione che Giovanni Falcone amava spesso riferire)
Insieme a Falcone, a Capaci, persero la vita la moglie Francesca Morvilio, magistrato, e gli agenti di scorta Rocco Di Cillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro.
Commenti disabilitati su Capaci, 23 maggio 1992

Attacco allo Stato

scritto da il 23 maggio 2006

Mi piaceva di più Raul Bova in Ultimo, la prima puntata di “Attacco allo Stato” non mi ha convinto del tutto. Forse mancavano gli attori attorno a Raul Bova che in Ultimo davano spessore alla recitazione.

O forse non si è voluto spingere troppo, forse le nuove BR sono ancora temi caldi e vanno affrontati con le pinze. Ma se non si ha coraggio e franchezza intellettuale per farlo, forse è meglio lasciar perdere. Anche per rispetto verso le vittime e le famiglie rimaste sole.

Commenti disabilitati su Attacco allo Stato

Direttamente da www.lefenici.com: “Da oggi “Lo Spillo” e “I Moschettieri” come due Fenici (la Fenice non è solo il piccione di Silente ma è uno dei più antichi simboli del Risorto) si sono incendiati e rinati qui dalle loro ceneri (frushhhh buuummm…. effetto speciale) in questo nuovo sito.”

Saluto “Lo Spillo” e auguro di cuore buon lavoro a questo progetto, che mi sembra molto interessante! Spero continui a pungere, piano ma costante come faceva Lo Spillo. L’unica richiesta a Diego è l’indirizzo per i feed?!

Commenti disabilitati su Novità in casa Lo Spillo da oggi lefenici.com

alcune precisazioni…

scritto da il 21 maggio 2006

Due precisazioni, ma per capirle dovete leggere il post sulla mia seconda settimana di lavoro.

La prima riguarda l’affidare la gestione delle assistenze alla cooperativa: condivido che bisogna ridurre i costi di gestione. Ma non farlo passare, “caro” direttore, come una scelta vantaggiosa per i dipendenti. Non ci crede nessuno che sia il metodo per far continuare la collaborazione anche quando tu te ne andrai, è solo la scelta più comoda per non aver dipendenti da licenziare in caso di calo iscrizioni. Non ho nulla di personale contro la cooperativa, ma non mi giungono neanche belle notizie su di lei. E se proprio ci devo entrare per continuare a fare il mio lavoro, almeno riconoscetemi l’esperienza di questi anni!
E la seconda è che la legge non obbliga a fare contratti a tempo determinato. E’ una possiblità che ha il datore di lavoro per conoscere il dipendente e viceversa. Si puo’ valutare la necessità o meno di avere un certo numero di dipendenti. Ma dopo 3 anni di collaborazione, con una previsione di crescita dell’utenza e senza variare i compiti, “caro” direttore non mi dire che “devi” farmi un contratto a tempo determinato! Vuoi farmelo a tempo determinato, perchè è facile parlare di famiglia e aiuto alla vita dall’altare…ma poi, noi comuni mortali non viviamo di ostie e Spirito Santo. E non possiamo nemanco vantarci di avere enormi debiti, perchè se vado sotto in banca vado anche in galera! E non a comprare nuovi pulmann…

In conclusione, qui c’è il mio curriculum…chissà che a qualcuno non possa interessare…

Commenti disabilitati su alcune precisazioni…

Vangelo della Domenica

scritto da il 21 maggio 2006

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri».

Commenti disabilitati su Vangelo della Domenica

Questo sarà un post un po’ lungo, ma seguitemi fino in fondo. Parto con due premesse-precisazioni. Intanto sul mio nuovo collega (vedi post precedente): è il presidente di una cooperativa che gestiva un centro per rifugiati politici. Gestiva, perchè da gennaio il comune con cui erano convenzionati non ha rinnovato la convenzione. Lavorano bene o lavoravano male? Chi ha rotto la convenzione dice che lavoravano male, loro il contrario. Certo che in tanti anni, pur sapendo che le convenzioni erano a termine, non si sono mai creati un ambito di ricaduta. Poca lungimiranza e capacità gestionali?!

Seconda premessa: il contratto che ho, prevede che dopo due rinnovi a tempo determinato, arrivi il tempo indeterminato. Io ho iniziato nel mio attuale posto di lavoro nell’ottobre 2003. Nel settembre 2004 mi viene rinnovato il contratto, mi vengono però anche aggiunte ore e mansioni. Devo perciò passare dalla scuola elementare a quella media. Un dopo pranzo il direttore: “fai veloce un foglio di dimissioni perché ti devo fare un altro contratto??. Ma non si puo’ fare un passaggio interno? Faccio il foglio (fesso sono stato) e riparto da zero…

Nel settembre 2005 mi viene rinnovato per due anni. Certo era il primo rinnovo…

E arriviamo a ieri, dopo due settimane che sono rientrato il direttore passa in cortile e mi dice così: “ti sarai accorto che c’è un altro, te lo avrei dovuto dire prima ma tanto non è un problema. Comunque da settembre la gestione di tutte le assistenze (cioè il mio lavoro) verrà data alla cooperativa (sopracitata). Adesso, tu se vuoi puoi passare alla cooperativa o finire l’anno che manca e poi passare alla cooperativa. Naturalmente con eguale retribuizione. Non è il caso di darmi subito una risposta.??

Provo invece a dirgli subito qualcosa: non mi sembra che essere dipendente dei salesiani o di una cooperativa (con uguale retribuzione bisogna poi vedere, sicuramente che paga sempre in ritardo e che non prevede mutua e infortuni) sia la stessa cosa, e poi pensavo che il prossimo anno sarebbe arrivata un’assunzione a tempo indeterminato e quindi una certa sicurezza.

Risposta: “se passi subito devo (devo?!) farti un contratto a tempo determinato ma fra un anno avrai il tempo indeterminato. Comunque gli accordi si fanno adesso… (ma non c’era tempo per la risposta?!)??

Mi ha detto anche che bisognava poi dividersi i compiti. Ma la responsabilità sarebbe stata della cooperativa, quindi dei suoi dirigenti, a cui dovrei quindi sottomettermi come l’ultimo entrato.

Don Bosco si era battuto per ottenere giusti contratti e condizioni di lavoro eque per i suoi ragazzi. Penso che se passate da Maria Ausiliatrice potreste sentire movimenti nei dintorni della sua tomba…

Riposa in pace Natale

scritto da il 19 maggio 2006

E’ morto Natale Morea (fonte: La Repubblica), medaglia d’Oro al Valor Civile per aver salvato cinque ragazze da due balordi tre anni fa. E’ morto per le ferite riportate in quell’atto di coraggio, mentre salvava le ragazze e la società “normale” stava a guardare. Perchè Natale era una persona che non rientrava nella “normalità”: barbone omosessuale. E per una società che fa della diversità una differenza questo è un fastidio.

Riposa in pace Natale Morea, penso che in Paradiso il tuo posto fosse già pronto da tempo…

Commenti disabilitati su Riposa in pace Natale