programma di governo

scritto da il 27 febbraio 2009

Da fonti molto vicine al governo, che per evidenti ragioni non posso rivelare, ho ricevuto il programma del prossimo CdM…

NO! Non dei minchioni, dei ministri!

Il programma, vista la facilità con cui si è riusciti a eliminare il rito comunista dello sciopero, mette in agenda un altro grande passo avanti: ripristino dello ius primae noctis nei comuni amministrati da giunte del PdL…

NO! Non dei libertini, della libertà!

E gli italiani? Salvo poche eccezioni, sono contenti perchè San Remo è andato bene…

…le poche eccezioni dicono che non ci sono differenze tra i termini che sopra seguono ai no? Eliminiamo anche loro!

Commenti disabilitati su programma di governo

nota costituzionale

scritto da il 27 febbraio 2009

«L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro».

Così recita la prima parte dell’Art. 1 della nostra Costituzione.

Lasciatemi fare una supposizione: nella mente dei costituzionalisti (quei comunistacci come Scalfaro!), il soggetto non era il lavoro in sè. Ma il lavoro come prodotto dell’Uomo, perno centrale sul quale si può fondare la Repubblica.

E a suffragare questa mia ipotesi trovo la seconda parte, sempre dell’Art. 1: «La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione».

Antitesi del lavoro è considerato lo sciopero. In realtà, lo sciopero nei dizionari è l’astensione volontaria dal lavoro per rivendicare diritti, per protesta o solidarietà. Non è quindi la mera antitesi del lavoro.

E’ un’espressione complementare che parte dallo stesso soggetto: l’Uomo. Sulla cui opera si fonda la Repubblica.

Posso, quindi, concludere supponendo che limitare le espressioni dell’Uomo possano portare a limitare l’essenza stessa della Repubblica?

Allegato: qui per consultare la nostra Costituzione.

Commenti disabilitati su nota costituzionale

lavorare troppo

scritto da il 26 febbraio 2009

Questo è un post in tre parti con un quesito finale.

Prima parte: dati oggettivi.
Berlusconi nel 1977 ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro.
Berlusconi è nato nel 1936.

Seconda parte: intervista di fantasia.
Cavalier Berlusconi, perchè ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro?
“Perchè ho sempre lavorato. Ho lavorato sempre. Ho sempre lavorato tanto”.
Si possono quantificare le sue ore di lavoro?
“Impossibile! Sono tante, tantissime ore tutti i giorni da tanti anni”.

Terza parte: ricerca scientifica.
L’ANSA riporta i risultati di uno studio finlandese, secondo il quale, con il passare degli anni chi lavora piu’ di 55 ore settimanali è a rischio demenza.

Quesito finale.
La seconda parte è davvero di fantasia?

Commenti disabilitati su lavorare troppo

sensibilità sul nucleare

scritto da il 25 febbraio 2009

Il governo dice che la sensibilità degli italiani, che avevano scelto con il referendum di non avere il nucleare, è cambiata dal 1987 ad oggi.

E così firma patti con il napoleonico Sarkozy.

Posso anche crederci che la sensibilità degli italiani sia cambiata. Ma visto che l’effetto del referendum è ancora giuridicamente valido, sarebbe cosa gradita chiedere conferma agli italiani di questo cambiamento.

Così si usa in democrazia. Così si USAVA in Italia.

Commenti disabilitati su sensibilità sul nucleare

prima che Carnevale finisca

scritto da il 24 febbraio 2009

Dopo 2 giorni di tiro la spalla destra comincia a farsi sentire dolorante. Ma poco importa, basteranno due lanci oggi alle 14 e non si sentirà più nulla!

E’ la battaglia delle arance e non potrebbe essere altrimenti. E’ lo Storico Carnevale di Ivrea e, finchè possiamo, godiamocelo.

Con oggi si chiude e domani si torna alla solita vita. Il tempo per tirarne le conclusioni sarebbe domani.

Ma lasciatemi fare un anticipo: piccole riflessioni a caldo, prima che lo scarlo abbruciato porti in alto ogni pensiero.

Parto su un terreno minato: la Mugnaia. La Mugnaia non si tocca. Però… Leggere in un’intervista: «Io e le mie amiche abbiamo dato vita al gruppo “Abusive forever??: mai iscritte ufficialmente, ma sempre con la squadra, a fare festa e a divertirci(…)» (Localport) ti lascia un po’ basito. La manifestazione sta assumendo dimensioni oceaniche e gli abusivi non aiutano certo a fare ordine. E poi l’abusivo è quello che, a guisa di sanguisuga, ne approfitta di una squadra e dei fondi degli aranceri senza nulla offrire. Forse questa vecchia appartenenza oggi si poteva omettere.

Le “giacche blu” del consorzio: oramai sono più diffuse che quelle di Torino 2006. Sarebbe però ora di fargli fare un corso di buone maniere. Non a tutte, ma ad un gran parte si! Non è una giacca blu e il fischietto in bocca che ti rendono protagonista. Cara “giacca blu” tu rappresenterai il consorzio ma il popolo è interessato al Carnevale e ai suoi Personaggi. Svolgi il tuo compito e non cercare, con malagrazia, una scena che non ti appartiene!

Le arance. Scacchi? Per anni abbiamo preso in giro gli Arduini che finivano presto le arance e quest’anno alle 16:15 non avevamo più 1 cassetta?! Un incidente di percorso che non deve mai più ripetersi!

E sempre a proposito di arance e aranceri: dite a Marco Neirotti de La Stampa che nessun arancere a piedi paga 250 euro. Capisco che voglia far stridere il contrasto tra la cassaintegrazione e i costi del Carnevale. Ma un buon giornalista dovrebbe informarsi meglio.

Le Bande in Piazza. Bella serata. Ogni anno più partecipata. Però non siamo più i pochi dei primi anni. Ieri sera c’era una folla in Piazza di Città che sembrava sabato sera! Allora sarebbe ora di cambiare formula. Perchè vedere il segretario del Consorzio delle “giacche blu” impazzire a fare il vigile, non è proprio un bello spettacolo!

Adesso però vado, perchè il Carnevale non è ancora finito.

Stasera poi ci saluteremo.

Arvedze a giobia ‘n bot.

PD in affitto

scritto da il 18 febbraio 2009

Questa foto l’avevamo scattata una sera di giugno o luglio passato. Malinconica. Era rimasta “parcheggiata” in una cartella.

Oggi, con l’abbandono di Veltroni che per primo riconosce di avere delle colpe nella disfatta, è tornata purtroppo attuale.

Veltroni forse adesso andrà davvero in Africa.

L’Italia sicuramente andrà peggio.

c’è chi non si lava…

scritto da il 16 febbraio 2009

Scendo dal treno, dietro di me sento una voce lamentarsi: “c’è sempre chi non si lava…”.

Chi si sta lamentando mi passa davanti: una distinta signora, precisa nel suo cappotto, veloce sui tacchi, decisa nel tirare il trolley. Una persona evidentemente carica di responsabilità e impegni. Le squilla il telefonino: “Pronto…no, non l’ho letto!”.

Caspita! Le 7:15 e già la chiamano per problemi di lavoro!

“…lo leggerò…”, chissà di quale documento si tratta? Sicuramente importanti impegni di spesa. Accordi, acquisti, preventivi importanti per la sua azienda.

“…non ho avuto il tempo di firmarlo! Firmalo tu…”, ma come! Delega così le responsabilità?

“Amore, digli che lo porti domani…” e, sottointeso, fagli capire di non rompere tanto.

Scendiamo nella metro, la signora veloce sulle scale mobili che vanno troppo lente. Lei è ben vestita. Lei non ha guardato la verifica del figlio. Lei si è lavata. Lei non ha firmato la verifica. Lei sa distingeure le cose importanti. Lei ha invitato a falsificare la firma.

Lei non puzza. Di fuori non puzza…

si cambia

scritto da il 9 febbraio 2009

Fino a ieri sono stato qui

Visualizzazione ingrandita della mappa

Da oggi saremo qui

Visualizzazione ingrandita della mappa

Si cambia e capirete perchè questo blog è stato un po’ trascurato. Si cambia e farlo la prima domenica di Carnevale si spera sia un bell’inizio!

incentivi…inutili

scritto da il 5 febbraio 2009

Mi spiegate cosa serve dare 2.000 euro, a chi ne ha almeno 20.000 da spendere per un’auto, quando si fatica ad arrivare a fine mese?

Il governo lo chiama pacchetto anti-crisi.

A me pare l’ennesima presa per i fondelli.

Commenti disabilitati su incentivi…inutili

rubli a Milano2

scritto da il 5 febbraio 2009

Supponiamo che sia vero ciò che sostiene Berlusconi, cioè che “la sinistra viveva grazie ai rubli sporchi di sangue dell’Unione Sovietica” (Repubblica.it). Ammesso che ciò sia vero, perchè non parliamo anche dei soldi con cui è stata costruita Milano2?

ps: sempre in riferimento alle uscite riportate da Repubblica, perchè fin’ora non si era mai parlato di questione morale in PdL? Non basta che qualcuno dell’altra parte segua il vostro esempio per sentirvi subito santi e immacolati!

Commenti disabilitati su rubli a Milano2