stai male? Paga!

scritto da il 12 gennaio 2010

Cosa capita a un dipendente statale dopo una notte di vomito e diarrea?

Al mattino può stare a casa, ma deve pagare 8 euro.

Gli italiani un tempo lottarono e ottennero dei diritti. I loro figli invece si misero a guardare Drive in e Bim Bum Bam. E poco alla volta dimenticarono.

ps: la porcata degli 8 euro è da attribuirsi unicamente al ministro Brunetta del governo Berlusconi. Chissà perchè nasce l’odio? E ‘ difficile da capire? Mah…

Devo ammetterlo, un po’ ammiro il ministro Brunetta. Perchè non possiamo negarlo che in Italia ci siano delle grosse sacche di spreco e che ridurle, o addirittura eliminarle, sarebbe un grande risultato.

Ammiro…ammiro un po’ meno…forse ammiravo…

Ogni tanto, però, mi sorge il dubbio che il nostro Brunetta non sia così un grande (ed evitate battute sull’altezza!). Vedi gli interventi sulla mutua per gli statali: 1 ora al giorno per poter uscire, 1 ora in cui solitamente i medici non fanno ambulatorio!

L’ultima amenità l’ho scoperta da un articolo di Anna Masera: l’Associazione per il Software Libero cerca da 3 mesi di prendere visione dei protocolli d’intesa sottoscritti dal Ministro Brunetta con Microsoft senza successo. Gli ha scritto una lettera aperta, di cui vi riporto alcuni passaggi:

«On.le Ministro Renato Brunetta,
il 16.08.08 Le abbiamo spedito una lettera (ricevuta il 03.09.08) con la quale domandavamo di avere accesso a due protocolli d’intesa da Lei sottoscritti con Microsoft Italia S.r.l.(…).
La notizia di quegli accordi ha destato in noi viva preoccupazione: in primo luogo perché la P.A. spende ogni anno molti milioni di euro in licenze software (274 nel solo 2003), in secondo luogo perché l’azienda Microsoft è stata condannata in sede europea per abuso di posizione dominante e in terzo luogo perché in qualità di Ministro della Repubblica Lei non può ignorare che il software libero offre una valida alternativa e che la legge (art. 68 D.Lgs. 82/05) impone di realizzare una valutazione comparativa prima d’acquisire il software da utilizzare.
Abbiamo pensato che Lei, Signor Ministro, fosse stato mal consigliato e che fosse nostro dovere aiutarLa.
Ci siamo precipitati a scriverLe nel week end di ferragosto, ma, ad oggi, siamo ancora in attesa di risposta. L’inerzia del Suo Ministero ci ha infine costretti a ricorrere alla Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi.
(…)
Infatti, il software libero può essere riutilizzato senza costi di licenza da tutta la P.A..
Ritardare l’uso del software libero da parte della P.A. danneggia la nostra economia, rende il mercato meno libero e favorisce un gruppo minoritario di aziende che privano il nostro paese di cospicui introiti fiscali. Sa che, per fare un esempio, Microsoft (ma analogo discorso vale per molti dei principali produttori di software proprietario) fattura le licenze vendute in Italia esclusivamente dalla filiale Irlandese (per un totale di 750 Milioni di Euro nel 2003) e che quindi comprando licenze di software proprietario si incide negativamente sulla bilancia dei pagamenti ?
(…)
Qualcuno potrebbe dire che non abbiamo ricevuto risposta per l’inerzia dei Suoi uffici, per una pratica dimenticata sulla scrivania di qualche dipendente fannullone perennemente in malattia o per qualche dirigente ignavo o menefreghista.
Certo che, se queste cose succedono proprio nel Suo dicastero, proprio nel periodo in cui, a quanto sembra, la “crociata contro i fannulloni?? sta dando il massimo risultato, c’è ancora molto da fare.
Nella speranza di riuscire a penetrare la fitta trama di ostacoli che Le impedisce di dare la dovuta attenzione alle istanze del software libero, restiamo in attesa di una Sua gradita risposta.
Con ogni osservanza,
per l’Associazione per il software libero
Marco Ciurcina».

Io penso che questa lettera dovrebbe diventare interpellanza parlamentare. Magari attraverso Di Pietro che, in questo periodo, sembra particolarmente vicino al mondo di Internet e offre assistenza legale contro il provvedimento “ammazza-blog” (sempre via Anna Masera).

risolto il problema Alitalia?

scritto da il 28 agosto 2008

Riassumo da Daniele:

1- La “soluzione?? del problema Alitalia “non è una bufale, è un imbroglio politico??.

2- A guidare la cordata non ci sono “capitani??. Ma “capitalisti??, che è un po’ diverso.

3- Roberto Colaninno, come numero 1 di una newco NON rasserena a livello occupazionale e di sviluppo organizzativo, considerato che è colui che distrusse definitivamente l’Olivetti.

4- “compagnia aerea italiana??….ma che cazzo di nome eh?!?!

5- AirFrance aveva in programma X esuberi. La reazione dei sindacati fu Y. La soluzione italiana costerà circa 2X esuberi. La reazione dei sindacati dovrebbe essere 2Y. Con ogni probabilità semplicemente ZERO.

Anche perchè, aggiungo io, sembra che piloti, hostess & c. saranno assorbiti dalle poste e altri enti statali o para-statali. BRUNETTA? Intervieni tu!

E per finire ci aggiungo ancora di mio: ho capito bene che la società si dividerà in due? Una in mano a Colaninno e l’altra con i mano i debiti. La seconda, quella con i debiti, verrà commissariata e resterà allo stato…cioè a NOI! Bella soluzione!

Napoleon-Brunettà

scritto da il 13 maggio 2008

«Promette una rivoluzione tecnologica Renato Brunetta, secondo il quale la banda larga e l’Ict devono far superare “senza ritorno” ogni barriera fisica nel giro di un anno, un anno mezzo. Un taglio deciso alle montagne di carta che invadono la Pubblica amministrazione: “non ci dovrà più essere la documentazione cartacea”, promette il ministro, “le pagelle dovranno essere lette su internet, basta pagelle di carta”. (…) una “rivoluzione con la quale la carta dovrà progressivamente sparire per essere sostituita dall’elettronica”. (…) Il piano per riformare la Pubblica amministrazione è ambizioso, ma Brunetta assicura di non avere “la sindrome di Napoleone”, perché per fare le riforme c’è bisogno del consenso del Paese. (…) “Penso di avere la consapevolezza, l’umiltà e la determinazione per fare bene, ma da solo non potrò fare nulla. Ho bisogno del consenso del Paese, degli stakeholders e di quelli che mi hanno preceduto”» (da Il Sole24).

Sinceramente? A me l’idea piace, piace anche parecchio.

Però, sia chiaro, ci dovranno essere delle condizioni minime senza le quali non si potrà operare. Prendiamo ad esempio le pagelle:

  1. tutte le persone interessate dovranno poter accedere alla risorsa in rete.
  2. tutte le persone interessate dovranno poter accedere alla risorsa in rete in un tempo massimo.
  3. la risorsa in rete dovrà essere resa disponibile in un formato usufruibile da chiunque.
  4. chi non potrà accedere alla rete, dovrà comunque avere la possibilità di accedere alle informazioni che lo riguardano.

Riusciamo a rispettarli tutti questi punti minimi?

Perchè solo qualche mese fa, ho letto una circolare ministeriale che richiedeva alle insegnanti di consegnare un documento in “formato Word”!!! Prevedo una lunga strada… Nel frattempo, vorrei suggerire al Ministro Brunetta un uso moderato degli inglesismi. Perchè, mi risulta che oggi gli stakeholders si siano messi tutti in mutua!

«Brunetta ha escluso di essere affetto dalla Sindrome di Napoleone. Poi si e’ calato in testa il suo cappello a coccarda e si e’ allontanato fischiettando la marsigliese» (Mantellini).