una notte da Oscar made in Italy

scritto da il 26 febbraio 2007

Tutti in piedi al Kodak Theatre di Los Angeles, per Ennio Morricone. Mentre sugli schermi scorrevano le immagini dei più importanti film musicati dal maestro italiano e le sue note riempivano la sala, tutti i presenti gli hanno tributato un applauso così caldo e sincero che Morricone ha ceduto alla commozione. In particolare quando ha dedicato, ringraziandola, la sua statuetta alla moglie. «Non si tratta di un traguardo, ma di un punto di partenza», ha detto e a assicurato e che, a 78 anni, continuerà a dedicarsi «con passione al mondo del cinema».

 «Grazie, grazie, grazie, grazie, grazie». Dopo aver sfiorato per sette volte il prmio più ambito del cinema, Martin Scorsese è esploso di grande e sincero entusiasmo nella notte che lo consacra finalmente tra i grandissimi. Un trionfo copn The departed : quattro statuette, tra cui quella per il miglior fil e la miglior regia. Per il regista italo-americano è stato il grande riscatto. «Tutti mi chiedevano quando avrei vinto un Oscar. Me lo chiedevano in ascensore, me lo chiedeva il medico quando mi facevo le radiografie, me lo chiedevano per strada». E, infine, rivolto al figlio di sette anni Francesco: «Ora puoi cominciare a saltare sul letto. Fai un sacco di casino in albergo».

Ma c’è anche un’altra statuetta italiana nella notte degli Oscar. La vince Milena Canonero, per i costumi di Maria Antonietta di Sofia Coppola. La Canonero ha definito «travolgente» il lavoro fatto al fianco di Sofia Coppola. «Eravamo perennemente in corsa contro il tempo e per la qualità e la quantità: per non parlare della necessità di contenere i costi, per questo a volte è stato stressante, ma Sofia era sempre disponibile e gentile e mi ha dato moltissimi input per dare concretezza a una visione che era molto poetica. Lei mi ha molto aiutato ad andare nella giusta direzione».

fonte: Corriere della Sera.it

Commenti disabilitati su una notte da Oscar made in Italy

più è vicino e meno paghi!

scritto da il 26 febbraio 2007

L’ “Osteria Vitanova??, che si trova in centro storico di Padova, è il primo locale al quale la Coldiretti ha consegnato l’attestato con il marchio “km zero??. Il menu a chilometri zero propone esclusivamente prodotti locali e di stagione che devono percorrere solo una breve distanza prima di giungere sulla tavola del locale.

Fa pensare il fatto che per trasportare a Roma un chilo di ciliegie dall’Argentina in volo per una distanza di 12mila km si consumano 5,4 kg di petrolio mentre per un kg di pesche dal Sudafrica nel viaggio di 8mila chilometri si bruciano 4,35 kg di petrolio e infine gli arrivi di ogni kg di uva dal Cile richiedono la combustione di 5,8 kg di petrolio.

Speriamo che l’iniziativa venga accolta e proseguita anche da altri locali. Senza che i soliti furbetti se ne approfittino, perchè se ho fatto risparmiare 5,4 kg di petrolio voglio che anche la mia cena costi meno!

Il comunicato stampa della Coldiretti lo trovate qui.

Commenti disabilitati su più è vicino e meno paghi!